Blog - Allevamento Gens Flaminia

Blog

Be Sociable, Share!

Gara Sociale CAVA obbedienza + agility e 5°Carosello Cinofilo 16/06/18

Posted by on luglio 9, 2018 in Novità | 0 comments

Gara Sociale CAVA obbedienza + agility e 5°Carosello Cinofilo 16/06/18

Ed eccoci finalmente di nuovo qui, a raccontarvi nel dettaglio la giornata del 16/06/18 che si è svolta presso il nostro campo come consueta Gara Sociale di fine anno e 5°Carosello Cinofilo CAVA. Per questa stagione abbiamo deciso di chiudere con una gara combinata di Obbedienza e Agility con classifiche separate e Premio Speciale per la Milgior prestazione assoluta nelle due discipline. Ma veniamo subito a noi: due le categorie, Esordienti e Allievi per l’obbedienza, Cat. 1 e 2 per l’agility.

Vince la Classe Esordienti Ilaria Cialdella con il suo Bovaro del Bernese Baloò: questa coppia, che vince anche meritatamente il Premio Speciale al Miglior Binomio, arrivata da poco al campo, ha dimostrato fin da subito grande affiatamento e abilità. Ottima la prova di obbedienza, portata a termine senza praticamente alcun errore. Bravi, farete strada! Al secondo posto si classificano Sabina Agri Rodriguez e il suo Beagle Jack, con una gran bella prova dinamica e regolare. Sabina vince anche il Premio Speciale al “Miglior conduttore” della gara. Terza classificata ancora una volta Ilaria Cialdella che questa volta con Grifon D’oro della Gens Flaminia detto Potter, il Labrador miele della famiglia Fidani che lo ha affidato ad Ilaria per la gara. Gran bella prova del binomio che, va sottolineato, non aveva mai lavorato insieme prima della competizione. Al quarto posto si classifica la Labrador chocolate Chanel condotta dal suo proprietario Sandro: buona prova molto regolare e complimenti a Sandro che prima della competizione aveva provato gli esercizi davvero pochissime volte. Quinto posto infine per Beba Arseni e il suo Alano nero Charlie: le due si comportano bene e concludono una bella gara, regolare con qualche piccola imprecisione. Infine complimenti anche agli altri binomi non arrivati in classifica che hanno comunque tutti portato a termine delle buone prestazioni con solo qualche errore in più: Paolo Susco e il suo super Boxer fulvo Kosmo dei Centurioni detto Enea che vincono però il Premio Speciale “Giovane Promessa CAVA”; Rosa Iacobelli e la sua meticcia Kika; Ilaria Cialdella e Silver, il Golden Retriver cucciolone che la famiglia Argento ha gentilmente prestato ad Ilaria per la gara, la quale lo ha condotto molto bene in prova nonostante Silver avesse iniziato la scuola da poco tempo e per questo si è meritato il Premio Speciale al “Cucciolone più promettente CAVA”.     

Il gradino più alto del podio della Classe Allievi quest’anno va a Francesca Rossetti e la sua Weimaraner Matilde, come sempre, protagoniste di una super prova, precisa e senza alcuna sbavatura. Brave! Secondo posto per Alessandra Riviera e il Labrador Chocolate della famiglia Marrone, Nuvola Rossa Orfeo, con una bella prova allegra e dinamica. Alessandra inoltre vince il Premio Speciale al “Conduttore più esperto CAVA”. Terze classificate Manuela Tinozzi e la sua Boxer Arianna della Gens Flaminia detta Nina, le quali concludono un’ottima gara molto regolare e anche in base al risultato della prova di Agility vincono il Premio Speciale più ambito della competizione ovvero la coppa per la “Miglior prova combinata Obbedienza + Agility”. Davvero grandi complimenti! Quarto posto di nuovo per Matilde, questa volta condotta da Assunta Spezzaferri, in una buona prova regolare e quinto posto ex-equo, per Francesca Rossetti con il Labrador nero Jordan di E. Legramante e C. Schiavitelli e Teresa Marcucci con la sua Boxer fulva Charlize della Gens Flaminia detta Roxie. Complimenti ad entrambi i binomi: a Francesca per aver improvvisato un’ottima gara con Jordan senza aver mai provato prima e a Teresa per la buona prova con la sua Roxie , nonostante qualche piccolo impiccio sui salti.

Infine complimenti anche a tutti gli altri binomi non entrati in classifica e comunque protagonisti di buone prove: Candida Mercuri e la pastorina tedesca Kyra di Casa Luca, Fabrizio Tarallo e il Boxer Attila della Gens Flaminia detto Rufus, Dario Sacconi e il suo Corso Pedro, Beba Arseni e l’Alano Arlecchino Kuta, Massimo Pierucci e il suo Pastore Tedesco Argo. Il Premio Speciale al “Binomio più simpatico” per quest’anno è andato pari merito a Candida Mercuri e Kyra insieme a Fabrizio Tarallo e Rufus.

Per quanto riguarda la disciplina dell’Agility invece, a vincere nella cat.1 sono stati Sandro e la sua Labrador Chanel, con un ottimo percorso veloce e dinamico. Al secondo posto ancora una volta Sabina Agri Rodriguez con il suo Jack mentre terzi classificati ancora una volta Ilaria Cialdella con Potter.

A trionfare invece nella cat.2 Massimo Pierucci e il suo Pastore Tedesco Argo, protagonisti di un bellissimo percorso preciso e veloce. Seconde classificate Manuela Tinozzi e Nina e terzo gradino del podio invece per Dario Sacconi e il suo Cane Corso Pedro, il quale nonostante la stazza porta a casa una bella prova.

Complimenti come sempre anche a tutti gli altri concorrenti delle cat.1 e 2 non entrati in classifica.

Durante l’intervallo fra la gara di obbedienza e Agility è andato in scena come ogni anno, il 5° Carosello Cinofilo CAVA, al quale hanno partecipato tutti i concorrenti della gara più Ares il Pastore Tedesco di Marco e Paola e la Boxer Etna della Gens Flaminia detta Thelma con Adelchi Marranconi. Complimenti a tutti i binomi che hanno mostrato ai nostri ospiti degli ottimi esercizi di controllo e lavoro di gruppo come sempre organizzati in bellissime coreografie.

Per concludere la giornata, premiazione, consegna diplomi e aperitivo in compagnia.

Grazie al nostro collega e giudice ospite Massimo Mancini, al nostro collega istruttore ENCI Gabriele Sabbatini, al nostro medico veterinario Dott.ssa Cecilia Novi, a Jovits Gonzales per l’aiuto nell’organizzazione e al nostro super Direttore Tecnico Gimmy Nitrato Izzo.

 

Ci rivediamo a Settembre!

Silvia Nitrato Izzo

Istruttore CAVA  e ENCI

Tutte le cose che ho imparato da te

Posted by on aprile 27, 2018 in Consigli | 0 comments

Tutte le cose che ho imparato da te

E quindi te ne sei andata. Mi ci avevi fatto quasi credere che non fosse arrivato ancora il momento. Ma forse è stato meglio così. Andarsene in tempo, uscire di scena come una vera guerriera.1236293_427756594008345_766031860_n

Ci avevi quasi fregato tutti. Con quella inimmaginabile forza e quello sguardo sempre forte e sicuro.

Sono davvero tante le cose che ho imparato da te, Rebecca.

Nulla ti faceva paura. Ti guardavo e mi chiedevo “ma come fa?”. Mai lo sguardo sofferente. Mai un lamento.

1235986_427755757341762_656913792_nQuando volevi qualcosa, tu la ottenevi. E se avevi deciso che ti andava di giocare un po’ con la tua adorata pallina, trovavi quella pallina. In qualsiasi luogo, in qualunque momento. Non mollavi mai la presa. Che tenacia. Ne avessi io solo la metà.

Me l’hai insegnato bene il significato di questa parola. E lo hai fatto 1455877_469428819841122_1792287845_nsenza usarne di parole. Come tutti i grandi maestri dovrebbero fare. Solo con l’esempio. Grazie e te ho capito davvero cosa significhi avere tenacia. Credere che se vuoi qualcosa e insisti ce la puoi fare. Dovessi passarci una giornata intera, o due o anche di più. E mi hai fatto anche pensare più volte che per guadagnarmi il diritto di insegnarti qualcosa, dovevo per prima io tirar fuori questa dote. Sei stata mia maestra prima che io lo diventassi per te.

Da te ho imparato che i cambiamenti si affrontano e se si vuole ci si abitua a tutto. Come quando sei tornata da noi dopo 7 mesi perché la famiglia che ti aveva preso non poteva più tenerti. Te ne eri andata trotterellando senza battere ciglio e altrettanto serena sei tornata qui, come se nulla fosse cambiato. O come quando, dopo una vita passata in campagna, ti ho portata, già grande, a recitare una piccola parte su un set cinematografico. Con tutto quel caos intorno, avevo paura potessi stranirti e invece io lo so che hai pensato “wow che ficata ma dove mi hai portata?”. E quando hai capito che la scena in questione era un incontro di boxe clandestino e la tua parte quella di abbaiare furiosa intorno al ring, non ci hai visto più dalla gioia. Tanto che hai afferrato e 10931104_684079541709381_7013619147196387987_n (1)sgrullato il tappeto del ring come fosse una manica. Che carattere, Rebi.

Da te ho imparato che se “voglio una pallina” mi alzo e me la vado a prendere o almeno ci provo fino alla fine.

Ma soprattutto mi hai insegnato la cosa più importante. Ad essere tua maestra quando tu prima lo sei stata per me.

Grazie!

 

 

Buon inizio avventura piccoli Labrador L e M!

Posted by on aprile 27, 2018 in Novità | 0 comments

Buon inizio avventura piccoli Labrador L e M!

E come di consueto anche questa volta siamo qui ad augurare un buon inizio di avventura alle cucciolate di Labrador della lettera L ed M che da qualche tempo hanno iniziato a vivere con le loro nuove famiglie. Per cui buon nuovo inizio piccoli: Lucky Luke detto Poldo, Lara detta Olivia, Lady detta Sally, Luna, Lolita detta Masha, Leyla detta Connie della Gens Flaminia (figli di Creta della Gens Flaminia e Belmondò della Gens Flaminia detto Oscar) e Marley, Moliver detto Oliver, Miele detta Bianca, Molly, Monella detta Joy, Mercury detto Freddie della Gens Flaminia (figli di Adria della Gens Flaminia detta Stella e Horo della Gens Flaminia detto Orion).

In bocca al lupo a tutti per ogni cosa come sempre siamo qui!

Quando i buoni eravamo noi …i tre motivi per cui sono una cinofila molto “cattiva”…

Posted by on febbraio 14, 2018 in Approfondimenti | 0 comments

Quando i buoni eravamo noi …i tre motivi per cui sono una cinofila molto “cattiva”…
  • L’ADDESTRAMENTO

Quando ero piccola i buoni eravamo noi. Quelli che con i cani avevano sempre pazienza. Che li amavano tutti e cercavano sempre di comprenderli, aiutarli, trovare soluzioni che risolvessero i problemi delle famiglie provviste di un quattro zampe. Noi eravamo quelli che non riuscivano a capire come si potesse vivere senza un cane, come si potesse darlo vai (tranne per motivi seri), come si potesse dire “è solo un cane”. Ma noi eravamo (e lo siamo tutt’ora) quelli dell’addestramento classico. Della scuola tradizionale che addestra il cane ed educa il proprietario invece di “educare” (o provare ad educare) il cane e intortare il proprietario con fiumi di filosofiche teorie new age, come provano a fare quelli che, a detta della stampa e di buona parte del mondo mediatico, sono i “buoni oggi”.

Quando ero piccola io e arrivava un nuovo cliente al centro cinofilo dei miei genitori  avevo sempre un po’ paura di come sarebbe potuta andare a finire la conversazione. In un modo o nell’altro spesso il cliente in questione cominciava a lamentarsi del cane “io non lo sopporto più”, “è stupido, non capisce niente”, “l’altro giorno gli ho dato un sacco di botte”, “se continua così sarò costretto a darlo via”. Molti poi lo facevano sul serio. Ed io, da piccolina, in quelle occasioni ero sempre tesa perché sapevo che mio padre, addestratore classico (si proprio uno di quegli addestratori che oggi vengono faziosamente chiamati maltrattatori) si infastidiva molto durante queste conversazioni e trattava bruscamente questi insensibili proprietari di cani. Tante volte l’ho sentito arrabbiarsi e discutere mentre provava a far capire loro che con i cani bisogna avere pazienza, costruire un rapporto. Che non bisogna perdere le staffe perché si rovinerebbe il legame senza ottenere granchè e che invece il cane va addestrato con il giusto lavoro, il gioco, il premio e corretto con l’utilizzo dello strumento giusto, come ad esempio il “famigerato” collare a scorrimento che ha la stessa identica funzione del morso e le redini di un cavallo. E’ solo uno strumento di sicurezza che ci aiuta a correggere velocemente gli errori e i vizi più radicati nel cane. Proprio come tirare le redini di un cavallo in fuga o dare un colpettino di sperone per farlo partire al galoppo. D’altronde ogni strumento può causare danni se usato male. Un collare a scorrimento, uno sperone, una pettorina (il simbolo per eccellenza del buonismo cinofilo) se ad usarli è un cretino. Un collare a scorrimento maneggiato da una persona seria e affiancato ad un percorso di addestramento classico, è una sicurezza per il binomio. Un ausiliario che sarà tenuto sempre lento e morbido in modo da far sentire il collo del cane molto più libero di qualsiasi altro attrezzo esistente e che sarà utilizzato all’occorrenza, come richiamo all’ordine, senza fare male proprio a nessuno. Come il morso di un cavallo che comunica e richiama  all’ordine l’equino quando ce ne è bisogno.

Mio padre (sempre quell’addestratore cattivo che utilizza questo “strumento di  tortura”) si arrabbiava con questa gente (quelli di cui ho parlato prima). Se la prendeva a cuore. Perché all’epoca il cane nelle famiglie non veniva considerato come ora (anche se c’è da dire che al giorno d’oggi siamo finiti nell’eccesso opposto dove il nostro amico a quattro zampe è visto come un semi-dio a cui tutto è permesso). Le persone lo tenevano spesso in giardino a fare la guardia e stop. Non gli interessava molto altro. E al primo problema via. Tant’è che quando arrivava un nuovo cliente al centro dentro di me speravo sempre che per quella volta andasse bene. Che non dicesse: “se fa qualcosa di sbagliato gli meno e alla prossima che combina se ne va”. E così sono cresciuta. Fra padri che non ne volevano proprio sapere di cani in casa, madri stufe dei danni che menavano col giornale e cani riportati indietro anche adulti. Si lo so ho enfatizzato un po’, non era proprio così tragica la situazione. Anche all’epoca c’era già tantissima gente appassionata. Più che altro professionisti, ma ce n’erano anche fra le fila delle persone comuni.  Eppure vi assicuro che le situazioni che vi ho sopra descritto erano piuttosto frequenti. Ed è per questo che affermo che i buoni eravamo noi.

Poi, improvvisamente, siamo piombati nell’era del marketing cinofilo e del buonismo da quattro soldi. Mi sono svegliata una mattina e ho scoperto che eravamo diventati cattivi. Uno sciame di nuovi educatori cinofili è piombato aggressivo sulla vecchia scuola degli addestratori classici, additandoli pubblicamente come macellai e insensibili maltrattatori e iniziando uno studiato percorso di diffamazione mediatica, appoggiati furbamente da istituzioni e media che non vedevano l’ora di ripulirsi un po’ la facciata con qualche finta campagna buonista. E, ahimè, questa campagna di consensi ne ha ottenuti principalmente da parte di quella larga fetta di persone che di mondo cinofilo non ne sanno quasi niente e che facilmente si sono lasciati incantare dai lustrini e dalle belle parole di chi si spaccia come paladino degli animali e che magari con gli animali ha cominciato a lavorarci l’altro ieri. Però ha frequentato qualche buona scuola di marketing.

Ma come? Mi è venuto da pensare, i buoni non eravamo noi? Quelli sempre in mezzo ai cani, nel fango, sotto la pioggia, con il freddo e il caldo. Quelli che ci vivono da una vita con gli amici a quattro zampe e che li conoscono fin nel profondo. Quelli che si farebbero in quattro per salvare ogni cane sulla terra e che li amano come componenti della famiglia stessa. Quelli che non sopportano chi non li comprende e li tratta male. E poi si quelli che li addestrano e ci fanno sport. Proprio come a un bambino indisciplinato fa bene ogni tanto prendersi anche qualche strillone dall’allenatore di calcio. Quelli che ai tempi di mio padre hanno magari anche lottato con le famiglie pur di seguire la propria passione, dato che al tempo questo mestiere non era poi così rinomato.. Di certo non una “roba chic” che va in televisione. Ai tempi in cui hanno iniziato i miei genitori, nelle loro famiglie non capivano come si potesse voler fare il “canaro” sempre sporco e in mezzo al fango. Quando, al contrario, al giorno d’oggi questo mestiere viene presentato sotto tutta un’altra forma, molto più patinata, da video tutorial di ragazze pulite, pettinate e truccate che non hanno addosso la zampata di un cane nemmeno per sbaglio. E il paradosso è che adesso sono quasi i genitori stessi a spingere i ragazzi a frequentare uno di questi corsi farlocchi.

Quindi come è potuto succedere che solo perché affermi di essere un addestratore classico tutti mi debbano guardare male? Cosa è successo nel frattempo? Mi sono dedicata ad altro per qualche anno e qui si è ribaltato il mondo! Addestravo il mio primo peluche di cane insieme a mio padre a 6 anni e adesso mi tocca pure sentire la neo-diplomata educatrice di turno, che ha preso in mano un guinzaglio per la prima volta un mese fa, che mi da dell’arretrata guardandomi con spocchia dall’alto verso il basso? Non so voi, ma io non ci sto!

Eppure il motivo per cui sono una cinofila davvero cattiva è anche un altro.

2) L’ALLEVAMENTO

Sempre quella stessa mattina mi sono svegliata e ho scoperto che eravamo diventati cattivi anche perché alleviamo i cani di razza “mentre nel mondo a migliaia muoiono nei canili o randagi”, tanto che vuoi che si sappia in giro di etologia e che vuoi che importi alla gente di informarsi su come l’allevamento delle razze sia fondamentale per mantenere il cane domestico. E che senza il lavoro dei nostri avi che lo hanno selezionato e dell’allevatore (serio) di oggi che continua a farlo, sarebbe rimasto selvatico e inadatto alla vita con l’uomo. E che se smettessimo di allevarlo lentamente ritornerebbe ad una sorta di stato selvatico e noi dovremmo rinunciare alla sua compagnia. Cosa vuoi che importi. Cosa vuoi che ne sappia la gente dell’importanza che ha la genetica per il mantenimento del “cane” in quanto tale e per come lo conosciamo oggi. Sia che rivesta il ruolo di semplice compagno per la famiglia o per lo sport e sia per quanto riguarda le meravigliose attività sociali che svolge (salvataggio, polizia etc..). Ma questo è un argomento talmente importante che merita un pezzo a parte.

Infine, per concludere…

3) LA PENSIONE

Sempre la stessa mattina mi sono svegliata e ho scoperto che eravamo diventati  cattivi anche perché abbiamo una pensione per cani. Bella, spaziosa e grande tra l’altro. “Ma no ma che sei matto lasci il cane in una gabbia?”(si chiamano Box poi, non gabbie). Meglio lasciarlo a casa di qualcuno conosciuto su questi siti internet dove la gente da la disponibilità a tenere il tuo cane quando sei fuori. Così puoi star sicuro. L’importante è che stia in una casa al caldo con qualcuno che di cani magari ne sa poco e niente (più niente che poco) e che si è improvvisato in questo mestiere per arrotondare lo stipendio. Meglio questo che lasciarlo in una struttura organizzata con personale qualificato, veterinario sul posto ed esperienza decennale. Certo. Poi parliamoci chiaro, di bravi professionisti che fanno pensione casalinga ce ne sono, ma io non mi riferisco di certo a loro.

Così mentre tutto il mondo sembra impazzito e la new age cinofila invita ingiustamente tutti a boicottare il nostro mestiere su tutti e tre i fronti della nostra attività (addestramento, allevamento, pensione), nonostante un tempo venisse invece considerato un lavoro per veri appassionati, noi andiamo avanti sereni. Sicuri e fieri di quello che facciamo ogni giorno, tutti i giorni da quarant’anni. Convinti che i buoni siamo ancora noi.

 

Gara Sociale Agility Dog 16/12/17: cronaca della giornata

Posted by on gennaio 3, 2018 in Novità | 0 comments

Gara Sociale Agility Dog 16/12/17: cronaca della giornata

Come di consueto siamo qui a raccontarvi di Sabato 16 Dicembre e della Gara Sociale di Agility Dog svoltasi presso il nostro Centro Cinofilo Gens Flaminia per festeggiare insieme il Natale. La giornata, per fortuna soleggiata e non troppo fredda, è stata arricchita da un’ottima compagnia e tanto divertimento.

Ad aprire le danze della piccola competizione la categoria dei Principianti i quali si sono cimentati in una sola manche di percorso di Agility al guinzaglio. Vince la categoria il Boxer Attila della Gens Flaminia detto Rufus, condotto dal suo proprietario Fabrizio Tarallo, ormai un veterano cinofilo, che però una serie di impegni familiari e professionali avevano tenuto lontano dai campi di addestramento per un paio d’anni. Torna quest’anno, ripartendo ovviamente dall’inizio nella disciplina dell’Agility e si merita una bella vittoria con un percorso netto nel tempo di 38,03 sec. Al secondo posto della categoria si piazza il Labrador Grifon D’Oro della Gens Flaminia detto Potter insieme al suo conduttore Massimiliano Fidani che lo guida con grande regolarità in un percorso netto molto preciso nel tempo di 47,48. Molto bene! Terzo classificato ancora un Labrador, il nero Ettore, di Eleonora D’Amario, che affida il suo “cavallo” alla conduttrice Flavia Bordi la quale, nonostante lo avesse “provato” solo un paio di volte, conclude il percorso di gara con una sola penalità nel tempo di 39,98. Al quarto posto troviamo il Pastore Tedesco Grigio di Gabriele Sabbatini, Ein che porta a termine la gara con 2 penalità nel tempo di 30,13. Il tempo è il migliore della classe, peccato per le penalità agli ostacoli dovute ancora a qualche insicurezza di Ein, sulle quali il nostro amico Gabriele sta lavorando con impegno. Quinti classificati il beagle Jack e la sua conduttrice Sabina Rodriguez: il binomio, nonostante stia venendo a lavorare  da poco tempo al campo, dimostra sempre grandissimo impegno e passione nel lavoro e noi di questo siamo fieri. Bravi! Il percorso della coppia è concluso con 3 penalità nel tempo di 44,25 sec.

A seguire complimenti a tutti gli altri partecipanti di questa categoria che, anche se non entrati in premiazione, hanno dimostrato grande spirito sportivo nel concludere comunque tutti buoni  percorsi di gara con solo qualche errore in più. A Zampotto, il Labrador Red Fox di Erica D’Angelosante, va infatti il Premio Speciale al “Cane di maggior temperamento in memoria del grande Lucky” un riconoscimento davvero importante dedicato allo Jag terrier della famiglia Quarta; ad Alessio Mancinelli e la sua Boxer Fiona della Gens Flaminia va invece il Premio Speciale: medaglia “Giovane promessa CAVA” , a sottolineare il merito e l’impegno del giovane Alessio che, nonostante lavori da poco con la sua cagnolina, si è messo in gioco pur sapendo di avere un cane non proprio facile da gestire. Bravi davvero! Infine a Gabriele Jr. e la sua piccola e simpaticissima meticcetta Daisy va uno dei Premi Speciali più importanti della competizione: la coppa al “Miglior Binomio”, per la gioia e la sintonia di coppia con cui questo bimbo e la sua cagnolina hanno affrontato il percorso di gara che, seppur con qualche sbavatura, è stato un momento di bellissima cinofilia! Complimenti!

Ma passiamo ora alla Categoria degli Allievi ormai semi-professionisti: primo giro di qualificazione, passano tutti alla finale. Sui primi due gradini del podio, ebbene si, lo stesso cane, la splendida Weimaraner Matilde (soprannominata Saetta) che vince la categoria Allievi con Francesca Rossetti e si classifica seconda condotta da Assunta Spezzaferri  (mamma di Francesca che lo scorso anno sempre con Matilde era salita sul gradino più alto del podio). Niente da dire, è lei il cane da battere, vincitrice indiscussa per due anni di seguito delle nostre gare di Agility Dog, vedremo chi riuscirà a lanciarle un guanto di sfida nelle prossime competizioni.  Brava Mati e brave le sue conduttrici che la hanno guidata in due percorsi praticamente perfetti : netto nel tempo di 18,15 per Francesca, netto nel tempo di 19,36 per Assunta. Che altro dire? Terzi classificati Mario Carvisiglia e il suo meticcio Yago, un binomio che fa della costanza e l’impegno la propria cifra distintiva. Primo giro di qualificazione un po’ in sordina, Mario e Yago partono molto più decisi nel percorso finale concludendo con un bel netto nel tempo di 26,14. Bravi! Al quarto posto un binomio davvero singolare: Pedro, grande Cane Corso (che nessuno forse si aspetterebbe cosi agile) e il suo conduttore il Comandante Dario Sacconi che guida magistralmente il suo cagnone nella gara come fosse un aeroplano e conclude con un percorso netto molto regolare nel tempo di 32,65. Proprio per questo motivo la giuria decide di assegnare a Dario il premio come “Miglior Conduttore” della gara. Complimenti! Al quinto posto invece si piazzano Flavia Bordi e il Labrador Chocolate (della famiglia Marrone) Nuvola Rossa Orfeo: buon percorso con 1 pen. nel tempo di 27,36 sec. C’è da dire che i due sanno fare di meglio, ma la giornata storta, si sa, capita a tutti. Vi rifarete alla prossima! Seste classificate: M.Teresa Marcucci con la sua Boxer fulva Charlize della Gens Flaminia detta Roxie, binomio affiatato e davvero sempre in grande sintonia , concludono un ottimo primo giro di qualificazione per poi perdere un pochino la concentrazione nella seconda manche conclusa con 2 pen. nel tempo di 35,09 sec. Brave sempre  e comunque!

Infine complimenti anche a tutti gli altri binomi che hanno portato a termine buone gare senza grossi errori seppur non riuscendosi a piazzare in classifica: Astrid Benini e la sua super meticcetta Daisy che vince a pari merito con Gabriele Sabbatini e il suo super meticcetto Schumy il Premio Speciale al “Binomio più simpatico”; Eugenio Legramante che conduce molto bene il suo Labrador nero Jordan (cane di grande temperamento) e si merita per questo il Premio Speciale: medaglia al “Conduttore più esperto nella gestione di un cane difficile”; Alessandra Riviera con Nuvola Rossa Orfeo (propr. famiglia Marrone) che si butta nella gara anche senza aver quasi mai provato e paga anche lei una giornata un po’ no, nonostante altre volte questo binomio sia andato molto bene; Manuela Tinozzi e la sua boxer Arianna della Gens Flaminia detta Nina, ultimamente sempre perfette in allenamento ma che come al solito pagano lo scotto dell’emozione in gara che le distrae un po’ troppo.

Ringrazio come sempre i miei colleghi istruttori per l’organizzazione: il direttore tecnico Gimmy Nitrato Izzo, Massimo Mancini, Flavia Bordi, Raoul Tonachella, Alessandra Riviera, Gabriele Sabbatini anche per le bellissime foto e la Dott.ssa Cecilia Novi.

Alla Prossima!

Silvia Nitrato Izzo

Buon inizio avventura piccoli Labrador (I)!

Posted by on settembre 5, 2017 in Novità | 0 comments

Buon inizio avventura piccoli Labrador (I)!

Come di consueto siamo qui per augurare un buon inizio avventura ai piccoli Labrador figli di Chimera della Gens Flaminia e Belmondò della Gens Flaminia detto Oscar: I-Morfeo, I-Kenya, I-Argo, I-Masai, I-Emera detta Akira, I-Cheope detta Zaira della Gens Flaminia. Un ringraziamento speciale va ai proprietari di mamma Chimera: Ludovica e Alessandro per aver allevato con amore e professionalità questi splendidi cuccioli e a Massimo e Valentina, proprietari di papà Oscar.

Auguriamo quindi un buon inizio avventura a tutti i cuccioli e alle loro nuove famiglie ricordando loro che per qualsiasi cosa siamo sempre qui!

Gara Sociale Rally Obedience + 4°Carosello Cinofilo C.A.V.A. 17/06/17

Posted by on luglio 3, 2017 in Novità | 0 comments

Gara Sociale Rally Obedience + 4°Carosello Cinofilo C.A.V.A. 17/06/17

L’evento di fine stagione per quest’anno al Campo di addestramento del CAVA si apre con una novità: al posto della consueta gara di obbedienza, gli allievi si sono cimentati in una nuova e divertente disciplina: la Rally Obedience. E’ vero, il tempo per prepararsi non è stato moltissimo ma a quanto pare i nostri binomi si sono tutti davvero impegnati e il risultato è stato più che soddisfacente. Venti i binomi in gara che hanno presentato i loro percorsi al nostro ospite Giudice Raoul Tonachella. La competizione è stata vissuta da tutti all’insegna della sportività, del sano divertimento e dell’impegno a spronarsi per dare sempre di più, dato che per la prima volta, in questi anni, era presente un giudice esterno. A seguire, come ogni anno, il 4°Carosello Cinofilo C.A.V.A. che ha visto scendere in campo per l’esibizione ben 16 binomi, a lavoro tutti insieme e ben schierati, dove i conduttori hanno dato dimostrazione dell’ottimo controllo sui propri compagni a quattro zampe e dove questi ultimi hanno dato prova di grande abilità e concentrazione. Bellissimi tutti gli esercizi di gruppo, coreografati dalla sottoscritta e supervisionati dagli Istruttori Gimmy Nitrato Izzo e Massimo Mancini.

Ma torniamo alla gara di Rally-O e veniamo alla cronaca della giornata: apriamo con la parentesi dedicata alla categoria Juniores, vinta dalla piccola Elisa Ludovici e il suo Mix Belga-Malinois Rocky, che, nonostante fossero l’unico binomio in categoria, hanno dato dimostrazione al giudice di grande affiatamento, preparazione e capacità di controllo da parte della piccola Elisa del suo amico Rocky, cane forte e determinato e quindi di non facile gestione. Bravi! Per premiare il talento della coppia, la giuria infatti ha deciso di assegnare al binomio anche il Premio Speciale “Giovane Promessa CAVA”. Complimenti!

E ora passiamo agli adulti della categoria 1.

Vincono la prima gara sociale di Rally Obedience CAVA: Chiara Schiavitelli e Jordan, simpaticissimo Labrador nero tutto pepe, che hanno presentato al giudice un percorso praticamente perfetto, brillante e in totale armonia. Ottimo lavoro! A seguire, sul podio al secondo posto, Candida Mercuri e il Pastore Tedesco Rullo di Casa Luca, protagonisti di un bel percorso regolare e corretto sotto tutti i punti di vista. Salgono sul terzo gradino del podio invece M.Teresa Marcucci e Charlize della Gens Flaminia detta Roxie, deliziosa boxerina, protagonista con la sua compagna a due zampe, di un bel percorso, vivace e senza grosse imperfezioni. Sempre molto bene questo binomio. Quarta classificata: Francesca Rossetti con la sua Weimaraner Matilde. Poco tempo per studiare il percorso a causa del calore di Matilde che ha costretto il binomio ad esibirsi per ultimo, quasi senza ricognizione, eppure un percorso da manuale per le due, con solo un paio di errori sul finale. Per questo motivo la giuria premia Francesca come Miglior Conduttore della giornata. Al quinto posto si piazzano Flavia Bordi e la sua meticcia Maya, con una buona prova, molto regolare e precisa; al sesto posto Gabriele Sabbatini con Una della Gens Flaminia detta Balda (propr. Rita Puglisi) binomio che si esibisce per primo e rompe il ghiaccio con un buon percorso divertito e ben svolto. Settimo classificato di nuovo Jordan, questa volta condotto da Eugenio Legramante, che liscia il podio per un pelo a causa di due errori del conduttore, protagonista, per tutto il resto della gara, di un ottimo percorso insieme al suo amico a quattro zampe. Peccato! All’ottavo posto si piazzano Alessandra Riviera e la sua super Boxer Aria del Giardino degli Ulivi, bella la prova, ben eseguiti gli esercizi e ottima l’armonia fra le due, peccato per un paio di errori di distrazione di troppo da parte della conduttrice. Al nono posto una new entry del nostro campo: Astrid Benini e la sua simpaticissima meticcetta Daisy, complimenti a questo binomio che con solo un paio di prove al campo è riuscito a raggiungere un’ottima preparazione e a presentare al giudice una bella gara. Brave! Infine a chiudere il gruppo dei binomi premiati al decimo posto: Luisa Signorello e il suo Labrador Lucky. Buona prova, sempre molto regolare e precisa, con qualche incertezza sui “Platz”. La giuria decide comunque di premiare la coppia come “Miglior Binomio” data la costante regolarità nel lavoro e nei risultati in gara che li caratterizza. Bravi!

Complimenti a tutti gli altri binomi in gara che hanno comunque presentato bei percorsi, di buon livello con solo qualche errori in più rispetto agli altri: Candida Mercuri e Kyra di Casa Luca, Flavia Bordi e Demy Nera della Gens Flaminia, Beba Arseni che con la sua Kuta vince il Premio Speciale al conduttore più esperto e di un cane difficile, Manuela Tinozzi che con la sua Arianna della Gens Flaminia detta Nina vince il Premio Speciale all’impegno nella preparazione della gara, Magdì Ionut e Don Buster della Gens Flaminia detto Buster, Mario Carvisiglia e Yago, Alessia Vitale e Rocco, Assunta Spezzaferri e Matilde, Gabriele Sabbatini e Shumy. Queste ultime due coppie vincono il Premio Speciale al “Binomio più simpatico”.

Infine complimenti anche a Mariano Mancini che, dopo un periodo di assenza da scuola, torna per condurre il suo super Boxer Rocco nel Carosello Cinofilo.

Al seguito di una bella premiazione, la consegna dei diplomi di fine anno e un aperi-cena in compagnia per stare insieme e salutarci per l’estate.

Un ringraziamento speciale al nostro collega e amico Giudice Raoul Tonachella per la disponibilità e gentilezza con cui ci ha aiutato nella preparazione della gara, ai miei colleghi e istruttori del campo: il Direttore Tecnico Gimmy Nitrato Izzo e l’istruttore Massimo Manicini. Infine un enorme grazie a tutti i meravigliosi binomi allievi di quest’anno!

Grazie di tutto e ci vediamo a Settembre!

Silvia Nitrato Izzo

Istruttore ENCI e CAVA

Gara sociale di piccola Agility 23/04/17

Posted by on aprile 28, 2017 in Novità | 0 comments

Gara sociale di piccola Agility 23/04/17

Riprendono finalmente le attività sportive al C.a.v.a. con la prima gara sociale della stagione di lavoro, dedicata alla piccola Agility. Una bella occasione per stare insieme e divertirsi con i nostri amici a quattro zampe, impegnati in percorsi di Agility a livello amatoriale.

Vince la Cat.1 Flavia Bordi con la sua Maya, binomio che a sorpresa guadagna il gradino più alto del podio con un percorso netto, preciso e di buon tempo. A dimostrazione del fatto che anche se non si è più proprio cuccioli (Maya ha 6 anni) lavorando di impegno e precisione si può ottenere tanto. Brave! Al secondo posto, un altro binomio a sorpresa: Claudia Sacconi con il suo Cane Corso Pedro. Un cane per nulla facile da condurre, a maggior ragione considerando il fatto che Claudia ha sostituito all’ultimo momento il padre Dario, abituale conduttore di Pedro, non avendo mai provato il percorso prima. Per cui doppi complimenti a questo binomio! Terze classificate (anche loro quasi incredule di questo risultato inaspettato) Germana Leone e la sua Boxer fulva Maya. All’insegna del motto che “chi va piano, va sano e va lontano”, terminano la gara con un percorso non velocissimo, ma preciso e costante. Bel lavoro. Al quarto posto il binomio che ha chiuso il percorso nel tempo più veloce della categoria (25,03 sec.) purtroppo però con 2 penalità agli ostacoli: Alessio Gigli e il suo Pastore Tedesco Iron. Grande impegno e sportività per questa coppia. Siamo sicuri che vi rifarete alla prossima. Quinti classificati infine, regolari e precisi, Candida Mercuri e il suo Pastore Tedesco Rullo di Casa Luca.

Ancora complimenti anche a tutti gli altri concorrenti della Cat.1: Federica Leone e Maya, che con grande spirito sportivo si butta nella gara (anche senza aver mai provato) in una simpatica competizione familiare “contro” mamma Germana; la coppia Alessia Vitale e Aurelio Cicalese insieme al loro meticcio furbetto Rocco, due percorsi briosi e un po’ confusionari che però fanno vincere ai tre il Premio Speciale al “trinomio più simpatico” dell’intera gara. E poi ancora complimenti a Flavia Bordi e Gabriele Sabbatini che con grande impegno e sportività hanno condotto in gara super Flek, il simpatico Australian Shepherd dei Sig.ri Magnani, cagnolino che promette davvero bene ma con cui si è iniziato a lavorare da poco e che deve quindi mettere ancora un po’ di controllo. Proprio per questo la giuria ha deciso di assegnare a Flek e il suo proprietario Maurizio Magnani, il Premio Speciale “Giovane Promessa C.a.v.a” e a Gabriele Sabbatini il Premio Speciale per “l’impegno nel lavoro”.

La Cat.2 riservata ai binomi più esperti prevedeva il superamento di due prove. Un primo percorso di qualificazione e un secondo valido per la classifica finale.

Vince (anche qui a sorpresa) Assunta Spezzaferri con la sua Weimaraner  Matilde, anche detta “Saetta”. Tutti lo sapevamo: quando Mati imbrocca la giornata giusta non ce n’è per nessuno, ma non sempre in allenamento era andata così.. per fortuna questo era uno dei giorni buoni! Ma c’è da dire anche che Assunta è stata davvero brava a controllare l’impeto della sua ragazza “purosangue”. Ottimo lavoro! Secondo classificato un binomio che ormai si può definire una colonna portante delle nostre gare sociali: Luisa Signorello e Lucky, il suo bel Labrador miele. Ogni gara, un podio per loro. Una regolarità pazzesca! Al terzo posto si piazza il binomio detentore del percorso nel tempo più veloce di tutta la gara (17,21 sec.): Flavia Bordi e Nuvola Rossa Orfeo. Bellissimo percorso, con una sola piccola penalità che gli ha precluso il primo posto. Ma davvero una grande gara. Al quarto e quinto posto una intera e bella famiglia: Tania Resta e Roberto Valentino che conducono rispettivamente Mya e Greta, le loro simpatiche labradorine, protagoniste di percorsi precisi, regolari e di grande impegno. Tutti davvero molto affiatati.

Per concludere tanti complimenti anche agli altri protagonisti della Cat.2:  Eugenio Legramante e il suo Labrador nero, anche detto “Furia Nera”, Jordan, protagonisti di due percorsi adrenalinici e davvero belli da vedere ma con qualche penalità di troppo, dovute al grande impeto di Jordan. Per questo la giuria ha deciso di assegnare al bel Labrador un Premio davvero Speciale al “Cane di maggior temperamento in ricordo del grande Lucky”, lo Jagd Terrier della famiglia Quarta, amico di gran carattere che ci ha lasciati un mese fa, dopo 15 anni di vita al massimo. Bravi ragazzi! Poi ancora buona prova quella di Alessandra Riviera che conduce sempre Orfeo e Francesca Rossetti di nuovo con Matilde in una piccola competizione familiare, questa volta vinta da mamma Assunta.

Permettetemi qualche riga in più per fare i complimenti ad un bellissimo binomio, che questa volta incappa nella giornata storta (capita a tutti) concludendo due percorsi un po’ “confusi”. Teresa Marcucci e Charlize della Gens Flaminia detta Roxie (Boxer fulva). Davvero due maestre negli allenamenti al campo, sempre precise, veloci e costanti erano le favorite della gara. Forse per questo un po’ sotto pressione. La giuria ha deciso comunque di premiarle assegnando loro il Premio Speciale al “Miglior Binomio”. Meritatissimo. Altro binomio solitamente sempre in forma: Candida Mercuri e la sua pastorina Kyra di Casa Luca. Anche per loro una giornata no, a causa di un secondo giro poco riuscito. Peccato! Siamo consapevoli però delle grandi doti di conduttrice esperta di Candida che sicuro saprà ritornare presto in vetta. Infine complimenti allo spirito sportivo di Salvatore Mare che, nonostante lui nè il suo Segugio Napo siano più giovanotti, conclude un bel primo percorso di gara dimostrando grande caparbietà. Meritatissimo anche il Premio Speciale a lui assegnato per il “Conduttore più esperto” del C.a.v.a. Per concludere, il Premio Speciale al “Miglior Conduttore” questa volta va a Flavia Bordi che con grande impegno ha condotto molto bene 3 cani, piazzandone 2 sul podio. Brava!

Un grazie di cuore a Gimmy Nitrato Izzo e Massimo Mancini, istruttori e giudici della gara (insieme alla sottoscritta) e alla Dott.ssa Cecilia Novi, il nostro Medico Veterinario.

Alla prossima!

Buon inizio avventura piccoli Labrador (H) e piccole Boxerine (F)!

Posted by on aprile 14, 2017 in Novità | 0 comments

Buon inizio avventura piccoli Labrador (H) e piccole Boxerine (F)!

Come di consueto e questa volta con il tempismo giusto, desideriamo augurare il buon inizio di avventura ai cuccioli Labrador di Bebel della Gens Flaminia e Nuvola Rossa Orfeo: Hank Moody detto Woody, Hurricane detto Kinder, Hunter detto Jedi, Horo detto Orion, Houdinì e Hyndia della Gens Flaminia e alle piccole Boxerine figlie di Babette della Gens Flaminia e Xanti delle Terre Magiche: Fiona e Fantàsia della Gens Flaminia. 

Buon inizio avventura piccoli a voi e alle vostre famiglie e come sempre… per qualunque cosa siamo qui!

Buon inizio avventura cuccioli Labrador! (F e G)

Posted by on marzo 10, 2017 in Novità | 0 comments

Buon inizio avventura cuccioli Labrador! (F e G)

Come di consueto (anche se un po’ in ritardo) ci teniamo a fare i nostri migliori auguri di inizio avventura ai nostri piccoli Labrador e alle loro nuove famiglie. Ricordando a tutti che per qualunque cosa siamo sempre a disposizione!

Ci vediamo alla Puppy Class!

Vi presentiamo quindi Funny detta Nikita e Freya detta Blue della Gens Flaminia, le due cucciole nere figlie di Tosca della Gens Flaminia detta Tina e Nuvola Rossa Orfeo e tutta la squadra dei piccoli bianchi e neri, figli di Adria della Gens Flaminia detta Stella e Don Buster della Gens Flaminia detto Buster: Golia detto Oscar, Grifon D’oro detto Potter, Geko detto Santos, Gengis Khan detto Zen, Gimkana detta Nike e Ginko della Gens Flaminia.

 

Buon inizio avventura piccoli!

Buon inizio avventura piccoli Labrador!

Posted by on settembre 27, 2016 in Novità | 0 comments

Buon inizio avventura piccoli Labrador!

Con un pochino di ritardo, a causa dell’estate un po’ particolare che ci ha tenuti molto impegnati, desideriamo come sempre augurare il nostro consueto “buon inizio” alla splendida cucciolata di mamma Maja e papà Buster dei 10 cuccioli di Labrador che da poco hanno iniziato l’avventura con le loro nuove famiglie! I piccoli: Enea, Eagle detto Charlie, Echo detto Tommy, Enigma, Emma, Eureka detta Luna, Euridice detta Lucy, Ela detta Lola, Enna detta Margot, Europa detta Maya della Gens Flaminia.

Buon inizio avventura a tutti, comportatevi bene e r14440663_1016703208447011_5340352185919102489_nicordatevi che noi siamo sempre qui!

Gara Sociale + 3° Carosello Cinofilo CAVA 25.06.16

Posted by on luglio 11, 2016 in Novità | 0 comments

Gara Sociale + 3° Carosello Cinofilo CAVA 25.06.16

E’ stato un anno di lavoro intenso qui al campo. Pieno di gare, trofei e allenamento. Tanto da arrivare a disputare la gara conclusiva della stagione e il relativo saggio di fine anno il 25 Giugno!

Ma nemmeno il caldo afoso esploso all’improvviso è riuscito a fermarci e, anche se con qualche partecipante in meno rispetto al previsto (faceva veramente caldo!) la giornata si è svolta alla grande, con gran parte dei nostri allievi che si sono, sportivamente, battuti in una piccola gara d’obbedienza finale ed esibiti nel consueto carosello di fine anno a dimostrazione dell’ottimo lavoro di gruppo svolto insieme durante tutta la stagione.

La gara non è potuta iniziare prima delle 18. Ma una volta sceso un leggero fresco si è aperta la competizione con la classe _DOA8276Principianti. Ben due sfide in famiglia, in questa categoria dove a contendersi il podio c’erano Chiara Schiavitelli ed Eugenio Legramante con il loro Labradar nero tutto pepe Jordan e Liliana ed Ettore Rienzo con il loro Achille. A non far torto a nessuno, invece, ci ha pensato Federico Mazzuca con la sua boxerina fulva Camilla, quinto binomio iscritto nella classe, che guadagna meritatamente il primo posto del podio, vincendo la categoria, con un percorso praticamente perfetto (solo una piccola sbavatura sul richiamo). Ottimo lavoro! A seguire, al secondo posto si è piazzato Jordan con Eugenio, binomio protagonista di un bel percorso in sintonia, con un solo errore sul seduto dove il bel Labrador nero si alza prima del ritorno del suo conduttore. Per il resto bella prova! Terza classificata Liliana Rienzo con Achille, cane niente affatto facile da gestire, che presenta ai giudici una prova molto regolare, ad esclusione del richiamo non eseguito dal suo compagno di gara, probabilmente a causa del caldo. Bene lo stesso! A dimostrazione di essere cani democratici Jordan e Achille ripetono quasi gli stessi percorsi anche con gli altri due membri della famiglia: Chiara che con Jordan esegue un percorso davvero brillante ma stavolta con qualche imprecisione in più e Ettore con Achille, anche lui con lo _DOA7853stesso errore sul richiamo e un paio di piccole imperfezioni in più rispetto a Liliana, ma molto bene tutto il resto.

A tal proposito la giuria decide di assegnare due premi speciali: a Chiara e Jordan va il titolo di “Binomio più brillante della competizione” in quanto coppia molto promettente e in sintonia che ha bisogno solo di definire un po’ di più il controllo sul lavoro data l’indole spumeggiante di Jordan e a Ettore e Liliana con Achille va invece il premio speciale al “Miglior Binomio” che in questo caso diventa “trinomio” per riconoscere l’immenso lavoro che i due _DOA8298(e tutta la famiglia) stanno facendo con il loro amico molto intelligente ma non facile nelle gestione e con il quale hanno da subito instaurato un gran bel rapporto. Complimenti a tutti!

La competizione è proseguita con la categoria mediana: gli Esordienti. Vince, finalmente, Magdì Ionut con il suo gigante Labrador nero Don Buster della Gens Flaminia detto Buster. Il binomio si era reso sempre protagonista di belle gare, macchiate però ogni volta da qualche errore che gli aveva impedito il podio. Ma chi la dura la _DOA8285vince e il lavoro ripaga sempre. Ottima preparazione, gara impeccabile e finalmente primo posto meritatissimo. Bravi! Al secondo posto una conferma: Candida Mercuri e la sua pastorina Kyra di Casa Luca, già vincitrici del Trofeo Elementare di Dressage Cinofilo di quest’anno, il binomio ripete un’ottima prova, da podio pieno. Benissimo! Terzo classificato Massimo Bonanni e la sua Labrador gialla Adria della Gens Flaminia detta Stella: prova molto regolare, precisa e concentrata con qualche piccola sbavatura qua e la. Ma senza dubbio ormai il lavoro di un semi-professionista. Bene così! A _DOA8282seguire una coppia molto promettente, che non ha avuto il tempo di preparare quasi per nulla la gara, ma che con grande spirito sportivo ha deciso di “improvvisare” e buttarsi lo stesso: Giulia Matricciani e la dolce Labrador nera Demy Nera della Gens Flaminia. Buona la prova, solo un po’ imprecisa in alcuni punti. Proprio per questo motivo e per le potenzialità che la giuria ha _DOA8304notato nella coppia stessa e nella conduttrice che nelle gare precedenti ha ben condotto anche un’altra bella Labrador nera (Bebel della Gens Flaminia) si è deciso di assegnare a Giulia e Demy il Premio Speciale “Giovane Promessa CAVA”. Brave! Allo stesso modo, la giuria ha voluto invece premiare l’esperienza, la_DOA8301 professionalità di Massimo Bonanni, che durante l’anno si impegna con grande dedizione nella gestione delle sue due bellissime Labrador gialle Stella (con cui era in competizione) e Ponza della Gens Flaminia detta Luna, assegnandogli il Premio Speciale al “Conduttore più esperto CAVA”. Complimenti!

A chiudere la gara la categoria dei semi-professionisti: gli Allievi. Anche qui a vincere, finalmente, un binomio che (esattamente come Magdì e Buster) ha sempre presentato ottime prove ma che non era ancora riuscito a guadagnare la vittoria a causa sempre di piccoli errori. E ancora una volta il lavoro e l’impegno hanno premiato. _DOA8292Sale sul gradino più alto del podio della Classe Allievi e guadagna il titolo di Campione Sociale CAVA di quest’anno: Mario Carvisiglia con il suo bel meticcio Iago. Protagonisti di una gara perfetta. Ottimo! Si classifica al secondo posto un altro binomio che del lavoro costante e dell’impegno fa la sua cifra distintiva: Manuela Tinozzi e la sua bella boxer fulva Arianna della Gens Flaminia detta _DOA8290Nina. Un anno di lavoro ha premiato anche loro. Bella prova, molto regolare! Terza classificata ormai una garanzia della competizioni sociali del CAVA: Luisa Signorello e il suo Labrador giallo Lucky. Ogni gara un podio per loro. Questa volta ci avevano quasi provato a scendere di un gradino commettendo un errore sul salto, ma non ci sono riusciti, dato che il resto della prova è stata davvero buona, come sempre!_DOA8289

A seguire, l’ottima gara di Alessandra Riviera che decide, last minute, di condurre in gara la bella Labrador nera di Rita Puglisi, Una della Gens Flaminia detta Balda, ospite qui da noi in pensione. Giro perfetto e in grande sintonia, nonostante il binomio fosse stato appena messo insieme, fino alla fine quando le due fanno qualche errore di troppo sui salti. Peccato perchè fino a quel _DOA8041momento era stata davvero una grande gara. Brave! E ancora bene Dario Sacconi con il suo grande Cane Corso grigio Pedro: prova regolare e ben svolta con piccole imperfezioni qua e la. Ma sempre grande impegno e sportività da parte dei due. Chiudono Francesca Rossetti con la sua bella Matilde, Weimaraner grigia, vincitrici del Trofeo Allievi di Dressage Cinofilo di quest’anno, che incappano questa volta in una_DOA8082 prova un po’ sottotono, forse per un po’ di stanchezza (l’impegno per il trofeo è stato tanto) e anche perché per questa ultima prova c’è da dire si fossero preparate poco e Candida Mercuri con il suo bellissimo Pastore Tedesco Rullo di Casa Luca, i quali presentano delle prove sempre regolari con qualche imperfezione di troppo _DOA8181soprattutto sui salti, sui quali dovremo lavorare ancora un po’.

_DOA8305Infine la giuria decide di assegnare il Premio Speciale al “Miglior Conduttore” ad Alessandra Riviera per la sicurezza con cui si è messa in gioco a condurre (molto bene) un cane mai portato prima e il Premio Speciale al “Conduttore del cane più difficile” a Dario Sacconi il quale, con grande sportività, si _DOA8025impegna a condurre in gara (e nella vita) un cane molto difficile da gestire e con cui ottiene però sempre buoni risultati. Binomio molto regolare! Complimenti ancora a tutti!

Al termine della competizione tutti gli allievi si sono esibiti nel 3°Carosello Cinofilo CAVA, divisi in due gruppi. Il primo riservato ai binomi principianti e il secondo ai più esperti.

Molto preciso e ben eseguito il giro del 1°gruppo a cui hanno partecipato: Candida Mercuri e Kyra, Chiara Schiavitelli e Jordan, _DOA8224Federico Mazzuca e Camilla, Flaviana Riva e Kaesy, Massimo Bonanni e Stella, Giulia Matricciani e Demy, Alessandra Riviera e Aria (non principianti ma in fase di ripresa a seguito di infortunio) e Ettore Rienzo e Achille.

Bello anche il giro del 2°gruppo dove i binomi hanno eseguito sempre in sequenza e perfetta sintonia esercizi ancora più complessi. Hanno partecipato: Mario Carvisiglia e Iago, Manuela Tinozzi e Nina, Alessandra Riviera e Balda, Magdì Ionut e Buster, Candida Mercuri e Rullo, Luisa Signorello e Lucky, _DOA8265Francesca Rossetti e Matilde e Dario Sacconi e Pedro.

Ottimo lavoro, l’appuntamento ora è per il Carosello del prossimo anno con esercizi sempre più difficili!

La giornata si è conclusa con la premiazione della gara, la consegna degli attestati di partecipazione al corso ad ogni binomio e un aperitivo-_DOA8306cena per festeggiare insieme la fine dell’anno di scuola.

Complimentandomi con tutti per il grande impegno con cui si è affrontato l’anno di lavoro insieme, la preparazione per le gare sociali e il saggio finale, auguro a tutti buone vacanze e..

Ci rivediamo a Settembre!

 

Cuccioli Labrador!

Posted by on giugno 14, 2016 in Novità | 0 comments

Cuccioli Labrador!

Siamo nati! Siamo 10 splendidi cuccioli Labrador, 6 neri (4 femmine 13413760_944040535713279_7009691768480736656_ne 2 maschi) e 4 gialli (3 femmine e 1 maschio). Siamo figli della bellissima Amaja della Gens Flaminia detta Maja e dello meraviglioso Don Buster della Gens 13241128_930285690422097_1883093476261467997_nFlaminia detto Buster.

Mamma Maja e papà Buster vi danno il benvenuto piccolini, insieme a tutti noi!12342754_838492822934718_7045890514461912262_n

Buon inizio avventura cuccioli Boxer!

Posted by on giugno 8, 2016 in Novità | 0 comments

Buon inizio avventura cuccioli Boxer!

Siamo lieti di annunciare che tutti i piccoli Boxer figli di Red 10415703_620267181423951_9129480164652801524_n13322111_936419379808728_1632908952017523963_nVelvet e Bart delle Terre Magiche sono stati consegnati alla rispettive famiglie. Inizia una nuova avventura che senza dubbio renderà tutti pieni di gioia e riempirà le nuove case di allegria.13312688_936418799808786_8982127763044245657_n

 

 

 

 

bart_500Buon inizio a El Guapo della Gens 13312627_937632219687444_8755548435641866352_nFlaminia detto Arrow, El Nino della Gens Flaminia detto Aron, Elios della Gens Flaminia detto Ettore, Etna della Gens Flaminia detta Telma e alle loro famiglie e buon inizio anche a Estate della Gens Flaminia che resterà con noi, unendosi alla nostra grande 13344695_937634979687168_7521071783217754420_nfamiglia a quattro zampe, insieme a mamma Velvet! Vi salutiamo con questo piccolo ritratto di famiglia!13310469_936488299801836_3632646434245316641_n

Finalmente finale!

Posted by on giugno 7, 2016 in Approfondimenti, Novità | 0 comments

Finalmente finale!

_DOA7784Cronaca della terza tappa del 28.05.16 e finale del Trofeo di Dressage Cinofilo 2015/16

Il Trofeo di Dressage Cinofilo CAVA di quest’anno è giunto a conclusione durante la terza ed ultima tappa che si è svolta presso il nostro campo Sabato 28.05.16.

L’attesa era tanta così come l’emozione, dato che la competizione ha tenuto impegnati i binomi iscritti per un intero anno di lavoro. La curiosità di conoscere poi i nomi dei vincitori e di vedere se la classifica provvisoria sarebbe stata confermata era alle stelle.

Ma iniziamo con la cronaca: ad aprire la terza tappa una piccola parentesi al Trofeo con la categoria Open A50 riservata a tutti i _DOA7728binomi appena iscritti al corso. Vince Chiara Schiavitelli con il suo Labrador nero, tutto pepe, Jordan. Il binomio esegue un ottimo percorso preciso e regolare e per questo merita anche l’assegnazione da parte della giuria del Premio speciale Giovane Promessa CAVA. Bravi, ottimo inizio!

Passiamo ora al Trofeo: si apre con la categoria A90, finale del Trofeo Elementare. Vince la tappa Candida Mercuri con la sua pastorina Kyra di Casa Luca. Ottimo il percorso del binomio che bissa la vittoria della seconda tappa e dimostra grande regolarità. Al secondo posto si classificano Tania Resta e la sua Labrador nera Mya. Percorso davvero brillante e bello da vedere, il _DOA7534binomio si conferma in ottima forma. Terza classificata Giulia Matricciani, conduttrice della bella Labrador nera Bebel della Gens Flaminia. Nonostante il lavoro con Bebel sia iniziato da poco il binomio si è mostrato da subito in sintonia, presentando ai giudici un bel percorso allegro e regolare. Infine, al quarto posto, una coppia molto seria ed elegante: Beba Arseni e la sua Kuta, Alano arlecchino bello, grande e difficile da condurre. Il lavoro del binomio al campo è stato tanto e il risultato ha premiato.

Complimenti anche agli altri binomi iscritti alla categoria e classificatosi a seguire: Roberto Valentino e la sua dolcissima Labrador Chocolate Greta, ancora Giulia Matricciani con un’altra bella Labrador nera Demy Nera della Gens Flaminia, Assunta Spezzaferri e Matilde, elegante Weimaraner grigia e_DOA7738 ancora Greta, condotta questa volta da Tania Resta. Bravi anche tutti questi binomi, a presentare buone prove, con solo qualche piccola imprecisione di più.

La categoria scelta per la finale del Trofeo Allievi, invece, era la A250, un bel percorso, impegnativo e divertente da eseguire. Questa volta i migliori sono stati Luisa Signorello e Lucky, il suo Labrador giallo, vincitori della categoria, in questa terza ed ultima tappa del Trofeo. Bel percorso, deciso, regolare e senza errori, a dimostrare ancora una volta la sintonia di _DOA7668questo bel binomio, ormai quasi professionista. A seguire, si classifica seconda Francesca Rossetti con la sua bella Weimaraner Matilde. Binomio sempre molto preciso e attento, presentano anche questa volta un percorso davvero bello da giudicare. Sul terzo gradino del podio sale questa volta Mario Carvisiglia e il suo bel meticcio Yago. Il binomio si è reso protagonista di un percorso praticamente perfetto, molto tecnico e senza errori, fino all’ultimo esercizio forse al primo posto della classifica provvisoria. Purtroppo un’ alzata di Yago prima dello scadere del tempo al Terra Libero ha compromesso la prova che, malgrado l’errore, era stata talmente ben eseguita fino a quel punto, da assicurargli lo stesso il terzo posto. Quarto classificato (con un percorso in gara ma fuori Trofeo) un binomio messo insieme solo qualche giorno prima della gara: Alessandra Riviera e Nuvola Rossa Orfeo, il bel Labrador Chocolate di Marco Marrone. Alessandra conduce molto bene e in maniera molto tecnica Orfeo, il quale esegue ottimamente tutti gli esercizi con solo qualche piccola imprecisione dovuta alle poche prove. Davvero un bel percorso allegro e bello da vedere. Al quinto posto della terza tappa Teresa Marcucci e la sua Boxer fulva Charlize della Gens Flaminia detta Roxie. Buona prova, eseguita con molta tecnica. Le due sono sempre attente e precise, anche se, questa volta leggermente meno concentrate del solito. Dimostrano comunque di essere ormai un binomio d’esperienza. Al sesto posto della classifica, invece, una coppia in grande crescita: Massimo Cardinale e il suo grande _DOA7754Labrador nero Belmondo della Gens Flaminia detto Oscar. I miglioramenti nelle ultime prove di lavoro di questo binomio sono stati evidenti tanto che i due hanno presentato ai giudici percorsi sempre più belli. L’ultimo uno dei migliori: ottima la condotta, ben eseguiti tutti gli altri esercizi, solo qualche piccola imprecisione di troppo e dimenticanza gli precludono il podio, che altrimenti avrebbero di certo meritato. Infine, settime classificate Manuela Tinozzi e Arianna della Gens Flaminia detta Nina, briosa boxer fulva. Questo binomio si dimostra sempre molto regolare e concentrato. L’emozione di Manuela rende sempre le prove un pochino tese, ma gli esercizi sono ben eseguiti con solo qualche piccola sbafatura. Inoltre i progressi nel lavoro durante il corso dell’anno sono stati davvero tanti. Brave!

Complimenti anche agli altri binomi iscritti: Rita Puglisi e la sua bella Labrador nera Una della Gens Flaminia detta Balda, Candida Mercuri con il suo bel Pastore Tedesco Rullo di Casa Luca e Dario Sacconi e Pedro, grande Cane Corso grigio, protagonisti anche loro di buoni percorsi di ottimo livello, con solo qualche errore in più.

La giuria infine consegna il premio al Miglior Conduttore della tappa a Francesca Rossetti, alla guida della sua bella e difficile_DOA7760 Matilde, e il premio speciale al Miglior Binomio ad Alessandra Riviera e Orfeo per la semplicità e al contempo precisione con cui hanno reso davvero bello un percorso di gara provato pochissime volte. Infine il premio speciale al Conduttore più esperto va a Teresa Marcucci, conduttrice ormai davvero quasi professionista che sta portando _DOA7758avanti al campo un gran lavoro con la sua Roxie.

Ma passiamo alla parte più importante della giornata: la premiazione finale del Trofeo. Chiusi i giochi con i risultati della terza tappa, si sono sommati i punteggi e la classifica finale è stata consegnata. Le previsioni sono state, più o meno, confermate.

Prime classificate del Trofeo Elementare con 513 punti  _DOA7763Candida Mercuri e Kyra di Casa Luca. Il binomio vince 2 tappe su tre e vola, meritatamente al primo posto. Bravissime! Seconde classificate con 509 punti Tania Resta e Mya, vincitrici della prima tappa, le due mantengono sempre alto il livello delle loro prove durante tutto il trofeo. Ottimo lavoro! Infine al terzo posto con 504 punti Giulia Matricciani e Bebel della Gens Flaminia. Binomio entrato in corsa a trofeo già iniziato, che si è subito rimboccato le maniche per colmare la distanza dagli altri e guadagnare il podio. Brave ragazze!

La giuria decide di assegnare infine il Premio Speciale Giovane Promessa CAVA ASSOLUTA ad un binomio molto promettente, che ha preparato le prove sempre con grande impegno e ottimi _DOA7765risultati: Beba Arseni e Kuta. Continuate così!

Complimenti a tutti gli altri concorrenti iscritti al trofeo per la sportività e costanza con cui si sono messi in gioco: ancora Tania Resta con Greta, di nuovo Giulia Matricciani con Demy, Assunta Spezzaferri e Matilde, Roberto Valentino e Greta, Madì Ionut e Buster, Federica Leone e Maya, Anna Sciarratta e Rocky queste ultime due con una sola tappa disputata.

Ma veniamo ora alla cronaca della premiazione più importante: quella del Trofeo Allievi.

Vincitrici del Trofeo Allievi con 685 punti Francesca Rossetti _DOA7752e Matilde, protagoniste di un trofeo di altissimo livello, sempre sui primi gradini del podio, meritano la vittoria anche per la sicurezza con cui hanno disputato le tappe. Davvero brave! Al secondo posto sul podio del trofeo con 678 punti un binomio che della regolarità ha fatto la sua cifra distintiva: Luisa Signorello e Lucky, ogni gara un podio per i due. Ormai semi-professionisti! Terze classificate del Trofeo Allievi con 670 punti Teresa Marcucci e Roxie, binomio di grandi lavoratrici sempre in ottima sintonia. Podio assolutamente meritato! Al quarto posto del trofeo un binomio d’esperienza, solo un poco sfortunato nelle prime tappe a causa di piccoli errori d’emozione, ma che recupera alla grande sul finale: con 659 punti Mario Carvisiglia e Yago. Ottimo lavoro! Quinti classificati con 656 punti Massimo Cardinale e Oscar, un po’ il binomio rivelazione di tutto il trofeo. Grande impegno e sempre belle prove, bravi! Infine a chiudere la premiazione del trofeo Manuela _DOA7774Tinozzi e Nina, settime classificate con 636 punti. Binomio sempre presente, attivo e concentrato, meritano un posto in classifica anche solo per la dedizione con cui presentano ai giudici sempre buone prove. Da lavorare ancora un po’ sull’emozione, ma ci siamo!

La giuria infine decide di assegnare  i seguenti premi speciali: il Miglior Conduttore ASSOLUTO di tutto il trofeo è Teresa Marcucci che con la sua Roxie lavora ogni giorno con grande impegno e passione. Il Miglior Binomio ASSOLUTO del trofeo è composto da Luisa Signorello e Lucky. Ogni gara un podio, c’è da aggiungere altro?

_DOA7781l conduttore più esperto ASSOLUTO di tutto il Trofeo è Mario Carvisiglia anche per come si è sempre rimesso in gioco con il suo Yago anche dopo qualche piccola “caduta”, lavorando sugli errori e migliorando ogni giorno. Il Premio Speciale al Miglior Impegno ASSOLUTO va invece a Manuela Tinozzi _DOA7778che con la sua Nina lavora al campo sempre con grande impegno e ha preparato tutto il trofeo con molta attenzione, prendendo la competizione molto seriamente.

Infine il Premio Speciale alla regolarità va a Dario sacconi che con il suo difficile Pedro si è sempre presentato in gara, lavorando sodo e facendo grandi progressi, da veri professionisti e il Premio Speciale alla sportività va a Rita Puglisi e Balda per come hanno deciso di partecipare alla gara, presentando comunque una buona prova, nonostante non avessero mai provato il percorso. Brave, così si fa!

Complimenti infine a tutti gli altri binomi iscritti al Trofeo: Patrizia Mandini e Maggie, Candida Mercuri e Rullo, Salvatore Mare e Napo e i binomi con un sola tappa disputata, Alessandra Riviera e Aria, Federico Forte e Tommy, Massimo Bonanni e Luna, di nuovo Federico Forte con Oscar, Sara Marra e Stella, Roberta Oddi e Tommy, Fabrizio Tarallo e Rufus e Daniele Esposito con Rullo.

E’ stata davvero una bella competizione e noi giudici siamo fieri dei risultati ottenuti nel lavoro con i nostri allievi. Davvero ottimo il livello raggiunto.

Ringraziando i miei colleghi istruttori  e giudici Gimmy Nitrato Izzo e Massimo Mancini, la Dott.ssa Cecilia Novi, medico veterinario del nostro centro, Aurelia Tutulan per _DOA7786l’organizzazione, Fabrizio Bottacchiari, fotografo ufficiale dei nostri eventi, Daniela Ottaviano e Fabrizio Tarallo per la segreteria, vi do appuntamento al prossimo trofeo!

 

Punteggi e classifica finale del Trofeo di Dressage Cinofilo CAVA 2015/16

Posted by on maggio 31, 2016 in Approfondimenti, Novità | 0 comments

Punteggi e classifica finale del Trofeo di Dressage Cinofilo CAVA 2015/16

Ai link che seguono sono disponibili i punteggi e la classifica finale del Trofeo di Dressage Cinofilo CAVA disputatosi in tre tappe:

13.12.15

17.04.16

28.05.16

 

Grazie a tutti i partecipanti!

Punteggi Trofeo Dressage Cinofilo 2015

CLASSIFICA FINALE TROFO DRESSAGE CINOFILO 2015

 

Classifica Provvisioria Trofeo Dressage Cinofilo 2015/2106

Posted by on aprile 22, 2016 in Novità | 0 comments

Qui di seguito il link con la classifica provvisoria del Trofeo di Dressage Cinofilo 2015/2016.

Ricordo a tutti che per la Classifica Finale saranno considerati e sommati i migliori 2 punteggi totali di ogni binomio.

Chi ha già disputato 2 tappe e disputerà anche la terza potrà quindi scartare il risultato peggiore. Chi ha disputato solo 1 tappa dovrà obbligatoriamente disputare la terza tappa e non potrà scartare nessun risultato. Per tali binomi saranno sommati i punteggi totali delle due tappe disputate.

La classifica è provvisoria in quanto vede in vantaggio tutti i concorrenti che abbiano già disputato 2 tappe.

CLASSIFICA PROVVISIORIA TROFO DRESSAGE CINOFILO 2015

Punteggi Trofeo Dressage Cinofilo 2015/2016

Posted by on aprile 22, 2016 in Novità | 0 comments

Qui di seguito il link per scaricare il file contenente i punteggi ufficiali del Trofeo di Dressage Cinofilo 2015/2016. Aggiornati in base ai risultati della seconda tappa disputata Domenica 17.04.16.

L’appuntamento per la terza tappa e finale è per fine Maggio, data ancora da definirsi.

Alla fine del file potrete trovare anche il regolamento del Trofeo.

Punteggi Trofeo Dressage Cinofilo 2015

2°tappa Trofeo Dressage Cinofilo 17.04.16, cronaca della giornata

Posted by on aprile 20, 2016 in Approfondimenti, Novità | 0 comments

2°tappa Trofeo Dressage Cinofilo 17.04.16, cronaca della giornata

Eccoci pronti per il racconto della giornata di Domenica 17.04.16, 2° tappa del trofeo di Dressage Cinofilo CAVA che si concluderà a fine Maggio in occasione della terza tappa e finale.

Ciò che mi ha colpito di più delle prestazioni dei nostri allievi questa volta è stata la regolarità. Tutte ottime prove, pochissimi errori e tanto impegno da parte di ogni binomio. La finale si avvicina, la _DOA7467tensione si fa sentire ma la costanza nel lavoro rimane alta. Quindi, intanto, complimenti sinceri a tutti. 

Iniziamo con i commenti ai percorsi della categoria più bassa, la A50, alla quale hanno partecipato tutti i binomi appena iscritti al corso, che non avevano potuto gareggiare alla prima tappa del Trofeo Elementare. Vince la categoria Bebel della Gens Flaminia, bellissima labrador nera condotta egregiamente da Giulia Matricciani, la quale, a causa del piccolo infortunio della sua compagna di gara Demy della Gens Flaminia, con molta sportività ha deciso di buttarsi e presentare in gara un’ altra cagnolina con la quale aveva provato il percorso solo il giorno prima della _DOA6962competizione. Nulla da dire, bravissime e vittoria meritata! Seconda classificata Kuta, gigante Alano arlecchino di Beba Arseni. Il binomio presenta un buon percorso, preciso e senza errori, ancora leggermente macchinoso. Ma condurre Kuta, data la mole e la giovane età, non è _DOA7448un’impresa affatto facile ed è per questo che la giuria ha deciso di assegnare a Beba il premio speciale “al conduttore del cane più difficile”. Brave!

Passiamo alla categoria intermedia del Trofeo Elementare, la A80. Vince Kyra di Casa Luca, la pastorina tedesca di Candida Mercuri. Il binomio, dopo lo scivolone della prima tappa, si è rimboccato le maniche e ha lavorato sodo, conquistando questa volta la vetta del podio. L’impegno premia sempre, brave! Percorso praticamente perfetto. Seconda classificata Matilde, Weimaraner condotta da Assunta Spezzaferri. Stesso discorso vale anche per questo binomio, protagonista di un percorso _DOA7032molto sotto tono nella prima tappa che presenta invece questa volta un’ ottima prova di lavoro, precisa e concentrata, mantenendo i nervi saldi e vincendo anche lo spareggio per il secondo e terzo posto disputato con la terza classificata Mya, labrador nera condotta da Tania Resta e vincitrice della prima tappa. Tania che insieme a Mya conducono la classifica provvisoria del trofeo, hanno presentato anche questa volta un ottimo percorso, preciso e regolare con solo qualche piccola incertezza in più. Ancora Tania Resta al quarto posto con Greta, Labrador chocolate, già sul terzo gradino del podio alla prima tappa e che questa vola scende solo di un posto, non per colpa di errori particolari, dato che il livello della competizione è stato davvero molto alto e i punteggi di tutti i concorrenti si sono distanziati di un soffio uno dall’altro. Ottima prova quindi anche quella di Greta e Tania che provvisoriamente si collocano al secondo posto della classifica generale del Trofeo. A tal proposito per premiare la regolarità di questi tre binomi la giuria ha deciso di assegnare a Tania e le sua cagnoline il premio speciale “Giovane promessa Cava”. A seguire troviamo Don Buster della Gens Flaminia detto Buster, Labrador nero condotto da Magdì Ionut, protagonista di un percorso leggermente sotto tono e deconcentrato rispetto alle prove. Sempre una buon percorso, con qualche distrazione di troppo. Magdì e Buster vincono però il premio speciale al “miglior _DOA7455binomio” proprio per la loro grande sintonia di squadra che mostrano ogni giorno nel lavoro al campo. Infine di nuovo Greta, condotta questa volta da Roberto Valentino. La coppia vince il premio speciale al “binomio più brioso”, protagonista infatti di un’ottima prova allegra, gioiosa e leggermente “spensierata”. Nessun  errore sostanzioso, buon percorso ancora leggermente poco sciolto. Tuttavia il tempo di provare per il binomio è stato poco rispetto agli altri, confidiamo quindi in una rapida rimonta.

Ed ecco arrivato il momento della categoria più difficile: la A200 del Trofeo Allievi. Grandi assenti i primi due classificati alla prima tappa, la boxer Aria del Giardino degli Ulivi di Alessandra Riviera, ancora a riposo dopo un infortunio e che attendiamo alla finale in grande forma e Tommy delle Acque Lucenti, Labrador chocolate di Federico Forte, anche lui atteso per il gran finale.

_DOA7239Vince la gara Matilde, la Weimaraner condotta egregiamente in questa classe da Francesca Rossetti. Percorso perfetto, preciso e concentrato, primo posto meritatissimo. Brave! Seconda classificataCharlize della Gens Flaminia detta Roxie, Boxer fulva guidata dalla sua compagna di vita e gara M.Teresa Marcucci. Ottima prova per il binomio che incappa solo in un errore sul terra libero che però non ne compromette la prova grazie agli ottimi voti ottenuti negli altri esercizi. Come sempre bellissime le condotte di questo binomio. A Teresa va anche il premio al “Miglior conduttore” dato l’impegno che mette ogni giorno nel lavoro al campo, i risultati ottenuti e l’ottima prestazione in gara. Terza classificata una colonna portante della nostra scuola: il binomio Lucky, Labrador giallo e Luisa Signorello. Ogni gara, un podio per loro. In testa alla classifica provvisoria del trofeo, mi raccomando lavoro e concentrazione per la finale! Quarto classificato il bellissimo Labrador nero Belmondo della Gens Flaminia detto Oscar condotto da Massimo Cardinale. Davvero una bella prova, briosa, precisa e regolare che avrebbe meritato anche di più se non fosse stato per i due errori di memoria sul percorso da parte del conduttore. Studiamo di più per la finale perchè a livello di lavoro abbiamo raggiunto davvero ottimi risultati. Al quinto posto un’altra colonna della nostra scuola: il binomio Yago, meticcio maschio e Mario Carvisiglia. Due grandi lavoratori, sempre molto precisi e attenti che purtroppo, forse a causa dell’emozione, ancora non hanno mai raggiunto il podio sempre e solo per pochi punti o piccoli errori imprevisti. Anche questa volta infatti, ottima prova, tutto perfetto tranne un terra libero, praticamente non eseguito (mai successo nelle prove) che ne ha compromesso il risultato. Davvero un peccato, ma il punteggio complessivo del _DOA7445binomio è buono per cui nervi saldi e concentrazione per la finale! Seste classificate la Boxer fulva  Arianna della Gens Flaminia detta Nina e Manuela Tinozzi. Binomio in grande sintonia che rientra in gara dopo uno stop per infortunio della conduttrice. Ottimo rientro, bella prova, solo qualche imprecisione e un paio di errori di memoria. Lavoreremo per la finale! Al _DOA7467settimo posto il comandante Dario Sacconi e il suo gigante Pedro, Cane Corso niente affatto facile da condurre, protagonista di una buona prova, molto regolare e precisa con qualche distrazione di troppo. Faccio però i miei complimenti al binomio per l’impegno messo in tutta la preparazione. A seguire complimenti anche a Patrizia Mandini e la sua Setter irlandese Maggie, anche loro allieve costanti e sempre presenti, un po’ sfortunate questa volta a causa di un grosso errore da parte di Maggie che non esegue il richiamo (anche questo mai accaduto in prova) compromettendo un percorso per il resto praticamente perfetto. La giuria ha infatti voluto premiare la costanza nel lavoro di Patrizia e Maggie assegnando loro il premio speciale “per il miglior impegno”. E ancora brava Candida Mercuri, sul primo gradino del podio con la sua Kyra nella A80, a condurre il suo pastorone tedesco Rullo di Casa Luca, che in prova stava andando sempre molto bene mentre in gara è incappato in qualche distrazione di troppo. _DOA7462Infine grandi complimenti al binomio più fedele della nostra scuola Salvatore Mare e il suo segugio Napo a cui la giuria decide di assegnare infatti il premio speciale al “conduttore più esperto”, nonostante la prova un po’ faticosa a causa dell’indole da cacciatore di Napo che in primavera si concentra sui tantissimi odori del campo, il lavoro del binomio è sempre immenso e da premiare.

Ora tutti a lavoro per la finale, sono davvero curiosa di vedere chi resterà più concentrato e vincerà il Trofeo. Buon lavoro a tutti!

E la tecnica del: “fai qualcosa!”

Posted by on marzo 10, 2016 in Approfondimenti, Consigli | 0 comments

E la tecnica del: “fai qualcosa!”

Questo è un articolo dedicato con il cuore a tutti i miei allievi. E’ scherzoso, sia ben chiaro, ma allo stesso tempo serio. Perché, alle volte, se si usa bene l’ironia è più facile che un concetto venga appreso. Mi sono ritrovata spesso, infatti, a spiegare argomenti di cinofilia che, in teoria, vengono recepiti benissimo mentre in pratica, beh, mica tanto. E allora eccoci qui a spiegare cosa sia la tecnica del: “Fai qualcosa!”. Partiamo dal presupposto che tutto possa essere spiegato. Un bravo insegnante è calmo e paziente e non ha problemi a ripetere e ripetere e ancora ripetere concetti che un allievo non ha ancora appreso. E un bravo insegnante è anche colui_DOA4949 che non si limita a dirti ciò che devi fare, ma ti spiega perché lo devi fare e soprattutto cerca di comunicarti la sensazione che dovresti trasmettere al cane in un determinato momento (decisione, grinta, calma). Questo perché gli animali comunicano fra di loro con movimenti del corpo e suoni, per cui tanto più saremo sciolti nel muoverci e abili nell’uso della voce , tanto più ci ascolteranno. Se mi limito a dirti “abbassa il braccio, gira a sinistra, accorcia il guinzaglio”  è un po’ come se ti stessi insegnando a portare un’auto “metti marcia, alza frizione, spingi acceleratore”. Ma i cani non sono macchine. Per cui è necessario che ogni bravo insegnante sappia trasmettere all’allievo umano quali siano quelle sensazioni che deve far sue prima di  mettersi a lavorare con un cane. Non posso insegnarti la grinta, posso provare a trasmetterla. E non posso insegnarti la calma, ma posso, anche questa, trasmetterla. Allo stesso modo posso insegnarti mille mila tecniche per correggere il tuo cane che sbaglia, posso spiegarti come devi fare, quali comportamenti avere ma ad un certo punto sarà indispensabile _DOA5008che tu agisca in scioltezza, senza bisogno di essere guidato dall’istruttore nell’azione correttiva per far si che il cane, questa volta, ti ascolti sul serio e non obbedisca solo perché tu sia riuscito a mettere insieme una serie di azioni tecnicamente corrette ma che ancora non possiedi sul serio nel tuo bagaglio pratico. Altrimenti il tutto risulterà macchinoso e i nostri amici a quattro zampe ci metteranno un attimo a capire che alla guida non c’è più l’istruttore esperto ma di nuovo il proprietario permissivo che ci fa fare quello che ci pare, come se dall’altro capo del guinzaglio non ci fosse nessuno a guidare. Cambiato manico, cambiata situazione. Ed è proprio in quel momento che subentra la magica tecnica del “Fai qualcosa!”. Che, presa seriamente, significa: se il cane continua a non ascoltarti, nonostante tu abbia messo insieme  bene tutti i pezzi, vuol dire che manca ancora qualcosa. Ovvero, la decisione. Per cui non fermarti a guardare l’istruttore nella speranza risolva tutto con la bacchetta magica, ma prendi in mano la situazione e “fai qualcosa!”. Non qualcosa a caso, capiamoci bene. Applica quello che hai imparato, ma fallo _DOA5016alla svelta, deciso e concentrato senza aspettare più che sia qualcuno a dirti cosa devi fare. Ci sono cose che non si possono spiegare. Ad un certo punto deve venire spontaneo, da dentro, una sorta di istinto a dire “ok, adesso mi faccio rispettare”. La maggior parte delle volte quando si supera questo ostacolo, è fatta. Saremo riusciti a impostare correttamente il rapporto con il nostro amico a quattro zampe. Per cui, quando siete in difficoltà nella gestione del vostro cane, ricordatevi di non limitarvi ad applicare meccanicamente le tecniche apprese, ma fatele vostre, interiorizzatele e al momento giusto “agite!”, insomma “a na certa… fate qualcosa!”.